Search  
Tuesday, July 22, 2014 ..:: Materna ::.. Register  Login
 Article Details

Progetto educativo - didattico 2007/ 2008

L'INCONTRO CON L'ARTE

Il progetto nasce dal desiderio di educare i bambini all'arte, effettuando un percorso di scoperta di alcune opere d'arte, per trarne emozioni, sensazioni,spunti di attività, arricchimenti e approfondimenti...

Il progetto nasce dal desiderio di educare i bambini all' arte, effettuando un percorso di scoperta di alcune opere d'arte, per trarne emozioni, sensazioni, spunti di attività,arricchimenti e approfondimenti. Queste, infatti, propio per la loro alchimia fatta di assemblaggi, collages polimaterici, uso originale dei colori, dei materiali e degli oggetti, stimolano particolarmente la creatività e la fantasia del mondo-bambino.Tali sollecitazioni vanno promosse fin dall'infanzia, quando i bambini stanno costruendo le loro relazioni con il mondo e le loro menti sono libere da qualsiasi tipo di ostacolo o blocco mentale ormai fissato che impedirebbe la liberazione e la realizzazione delle attitudini individuali. Giocare con l'arte, quindi : il modo migliore per vivere l'esperienza creativa.

FINALITA':

  • Rafforzare la fiducia nelle propie capacità espressive
  • Sviluppare la creatività e lo spirito artistico

OBIETTIVI:

  • Sperimentare tecniche e modalità pittoriche di vario tipo
  • Osservare, leggere ed interpretare un'immagine artistica o un'opera d'arte
  • Cogliere la funzione espressiva di un'opera d'arte
  • Attribuire significato ad un quadro
  • Scambiare impressioni sui quadri
  • Esprimere sentimenti ed emozioni legati ad un'opera d'arte
  • Potenziare le capacità artistiche
  • Saper manipolare, pasticciare, sentire, toccare, gustare, odorare, trasformare con creatività i diversi materiali
  • Isolare particolari per cogliere la struttura compositiva di un' opera d'arte
  • Smontare e rimontare gli elementi di un'opera d'arte
  • Inventare storie sul soggeto di un capolavoro pittorico
  • Drammatizzare il contenuto di un quadro
  • Usare la gamma cromatica e i cromatismi
  • Effettuare scelte di colore e di tecniche idonee al soggetto da reppresentare
  • Produrre immagini iconiche con materiali di vario tipo
  • Inventare composizioni cromatiche
  • Attibuire un significato ad ogni propio lavoro
  • Veicolare relazioni interpersonali positive tra bambini e tra adulti e bambini
  • Favorire la crescita individuale attraverso la collaborazione e la condivisione di un'esperienza
  • Sviluppere le competenze degli alunni superando situazioni di disagio-malesse

 

METODOLOGIA:

Il progetto prevede un percorso di attività di scoperta, osservazione, analisi e rielaborazione di diverse opere d'arte. In particolare, in un'ottica che privilegi le esigenze dell'età dei bambini a cui ci riferiamo,cercheremo di:

  • Conoscere l'artista e le sue opere
  • Leggere le opere d'arte
  • Riprodurre in modo personale immagini d'arte
  • Affinare la motricità fine
  •  Favorire relazioni di competenza tra bambini
  • Cooperare per costruire insieme

SPAZI:

Titti gli spazi disponibili della scuola: aula, salono, biblioteca, giardino.

TEMPI:

L'intero anno scolastico

STRUMENTI

  • Poster di opere d'arte
  • Macchina fotografica
  • Colori a dita, tempere, pennarelli, pastelli a cera, matite colorate
  • Carta colorata, cartoncino, carta crespa e velina
  • Pongo, creta, plastilina
  • Materiale naturale di recupero
  • Vestiti per travestimenti
  • Materiale di psicomotricità

VERIFICA E VALUTAZIONE:

Il momento della verifica e della valutazione sarà imperniato : 

  • Sulle osservazioni,  sistematiche e periodiche, circa il fare dei bambini durante l'esperienza
  • Sui docomenti realizzati dai bambini durante il percorso
  • Su verifiche complessive al termine del percorso relativamente ai seguenti punti
  1. Attenzione dimostrata
  2. Coinvolgimento emotivo
  3. Interiorizzazione dei concetti
  4. Livello di curiosità
  5. livello di gratificazioe nel fare e nel ricercare
  6. Livello di socializzazione e di integrazione.

 

 

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEI GRUPPI DI ATTIVITA’ CON I BAMBINI DI 5 ANNI

ANNO SCOLASTICO 2007-2008

 

 

 

ORGANIZZAZIONE 

                                                     

I bambini di 5 anni frequentanti la nostra scuola dell’infanzia in questo anno scolastico sono 31.

Essi si riuniranno in un gruppo omogeneo per età nei giorni di  :

Martedì, Mercoledì e Giovedì dalle ore 10,30 alle ore 11,30 con le insegnanti Motto Gabriella e Mapelli Adele per le sezioni A e D, Buzzi Rosangela e Malacrida M. Cristina per le sezioni B e C.

Gli interventi educativi mireranno in modo particolare a sviluppare i seguenti ambiti :

 

-         “ Corpo movimento e salute “

-         “ Fruizione e produzione messaggi “

-         “ Esplorare, conoscere e progettare “

 

Al centro delle nostre proposte ci sarà l’incontro con il bambino e lo sforzo di essere il più possibile vicino alle sue esigenze di crescita, alla sua voglia di dominare la realtà circostante, godendo fino in fondo del piacere di operare, costruire, sperimentare con gli altri nell’affermazione di se stesso.

 

FINALITA’

 

-         Aumentare i tempi di attenzione e di concentrazione

-         Suscitare interesse e curiosità

-         Favorire processi di comunicazione

-         Favorire processi di apprendimento logico-matematico

-         Aumentare l’autostima

 

 

MATURAZIONE DELL’IDENTITA’

 

-         Avere consapevolezza della  propria crescita

-         Avere fiducia nelle proprie capacità

-         Saper esprimere i propri sentimenti

-         Cominciare a controllare le proprie emozioni

-         Manifestare curiosità e spirito di osservazione

-         Affrontare con sicurezza situazioni nuove

-         Collaborare con i compagni

-         Interagire con l’adulto

 

CONQUISTA DELL’AUTONOMIA

 

-         Avere cura delle proprie e delle altrui cose

-         Portare a termine un’attività intrapresa  o una consegna

-         Rispettare le norme e le regole della vita comunitaria

-         Aiutare i compagni in difficoltà

 

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZE

 

AMBITO :  “ IL CORPO  IN MOVIMENTO “

                            Identità, autonomia, salute

 

-         Prova piacere nel movimento e in diverse forme di attività e di destrezza quali correre, stare in equilibrio, coordinarsi in altri giochi individuali e di gruppo che richiedono l’uso di attrezzi e il rispetto di regole, all’interno della scuola e all’aperto.

-         Controlla la forza del corpo, valuta il rischio, si coordina con gli altri.

-         Esercita le potenzialità sensoriali, conoscitive, relazionali, ritmiche ed espressive del corpo.

-         Conosce le diverse parti del corpo e rappresenta il corpo in stasi e in movimento.

 

 

AMBITO  :  “ I DISCORSI E LE PAROLE“

                     Comunicazione, lingua, cultura

 

-         Il bambino sviluppa la padronanza d’uso della lingua e arricchisce e precisa il proprio lessico.

-         Racconta, inventa, ascolta e comprende le narrazioni e la lettura di storie, dialoga, discute, chiede spiegazioni e spiega, usa il linguaggio per progettare le attività e per definire le regole.

-         Formula ipotesi sulla lingua scritta e sperimenta le prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, anche utilizzando le tecnologie.

 

 

AMBITO  :  “ LA CONOSCENZA DEL MONDO“

                      Ordine, misura, spazio, tempo, natura

 

-         Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta e valuta quantità; utilizza semplici simboli per registrare; compie misurazioni secondo semplici strumenti.

-         Colloca correttamente nello spazio se stesso, oggetti, persone; segue correttamente u n percorso sulla base di indicazioni verbali.

-         Riferisce eventi del passato recente dimostrando consapevolezza della loro collocazione temporale; formula correttamente riflessioni e considerazioni relative al futuro immediato e prossimo. Coglie le trasformazioni naturali.

-         E’ curioso , esplorativo, pone domande, discute, confronta ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni.

 

STRUMENTI

 

-         Libro operativo

-         Quaderno a quadretti  da  1 cm

-         Un astuccio contenente : pastelli, matita, gomma, temperino, forbici e colla

-         Il proprio corpo

-         Materiale strutturato e di recupero.

 

Il libro operativo verrà utilizzato :

 

-         come strumento per tradurre a livello grafico l’attività  vissuta

-         come verifica

 

Il quaderno invece servirà ad integrare le attività del libro operativo.

La decisione di dotare tutti i bambini  di tale materiale ha lo scopo di responsabilizzarli al rispetto e all’organizzazione delle proprie cose.

 

METODOLOGIA

 

Si proporranno strategie che favoriscano una positiva relazione insegnante-alunno attraverso :

 

-         l’atteggiamento di ascolto attivo e accogliente

-         il ruolo di incoraggiamento per generare autostima, interesse e cooperazione

-         l’atteggiamento propositivo di guida, stimolo, mediazione e supporto alla partecipazione attiva del bambino.

 

 

Le insegnanti attiveranno una funzione di regia educativa, agendo in modo indiretto sugli spazi e  i tempi, sui materiali, sulle relazioni e sul clima affettivo ed emotivo.

 

Per l’ambito motorio la metodologia  privilegiata sarà il gioco in tutte le sue dimensioni che assolverà  importanti funzioni cognitive socializzanti, creative, relazionali e motorie.

 

 

Per l’ambito linguistico  e logico si favoriranno :

 

-         conversazioni guidate dall’insegnante

-         giochi ed esperienze di metalinguaggio : lettura di conte  e rime, ricerca di rime ed assonanze

-         giochi strutturati  finalizzati al raggiungimento di un determinato obiettivo

 

 

VERIFICA

 

-         Osservazione diretta dei bambini

-         Produzione verbale

-         Produzione grafica

-         Compilazione scheda di verifica a fine anno scolastico, utile al passaggio alla scuola elementare.

 

 

 

 

 

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO  EDUCATIVA

 DEI GRUPPI DI ATTIVITA' PER I BAMBINI DI

3 e 4 ANNI

INSEGNANTI:

                                STUCCHI PATRIZIA

                                MONTANARO ROSANNA

                                COMBI CRISTINA

                                TRESOLDI SILVIA

                                CAROZZI GIUSEPPINA 

                                 MAPELLI DONATELLA                              

 

 

 

PROGETTO  “ LA FATTORIA”

 

Il progetto nasce dalla consapevolezza che l’ambiente sia naturale che sociale, nel quale il bambino vive, è un contenitore privilegiato per comprendere la realtà, per acquisire consapevolezza di sé e per allargare le proprie conoscenze.

Riteniamo importante far esplorare al bambino un mondo che a volte è poco conosciuto come la  fattoria, luogo che offre la possibilità di entrare a contatto con gli animali, di conoscere l’ambiente naturale e di vita, di scoprire ed utilizzare i 5 sensi e infine di sensibilizzare al rispetto dell’ambiente.

Per far nascere  nei bambini una cultura ecologica di tutela e salvaguardia dell’ambiente che ci circonda, è certamente utile  fargli conoscere gli animali che vivono nella fattoria , le piante e la loro  crescita e il ciclo produttivo che avviene in una azienda agricola.

 

 

Il progetto prevede un percorso di attività e proposte finalizzate ai traguardi per lo sviluppo delle competenze.

In questo percorso, che coinvolgerà i bimbi di 3 e 4 anni di tutte le sezioni, a livello teorico e pratico faremo riferimento ai documenti programmatici nazionali, sviluppando l’argomento secondo i “Campi d’Esperienza” estrapolati dalle “ Raccomandazioni per l’attuazione delle Indicazioni per i Piani Personalizzati delle Attività Educative delle Scuole dell’Infanzia” e avendo come cornice culturale le recenti “Indicazioni per il Curricolo per la Scuola dell’Infanzia”.

 

IL CORPO IN MOVIMENTO

Identità, autonomia, salute.

 

Per ciò che concerne questo campo di esperienza gli obiettivi formativi e i traguardi per lo sviluppo delle competenze verranno approfonditi in modo particolare nel progetto psicomotorio, illustrato in seguito. 

   

 

LINGUAGGI, CREATIVITA’, ESPRESSIONE

Gestualità, arte, musica, multimedialità

 

Il bambino è naturalmente portato ad esprimere con immaginazione e creatività le sue emozioni ed i suoi pensieri; l’arte orienta questa propensione, e l’incontro con materiali di vario tipo, inusuali ed inesplorati, diventa un’occasione per osservare il mondo che ci circonda con occhi diversi.

Un’altra importante funzione riveste la musica, che è un linguaggio universale, dove il bambino riesce  ad esplorare le proprie possibilità sonore e rappresentative.

Così  pure l’incontro con i nuovi media ed i nuovi linguaggi della comunicazione diventa un’ ulteriore possibilità di confronto  e fruizione  attiva da parte del bambino che non è più solamente uno “spettatore” passivo, ma partecipa  in prima persona alla ricerca di nuove possibilità espressive e creative.

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

 

1.    Il bambino segue con attenzione e con piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, cinematografici, musicali..), sviluppa interesse per l’ascolto della musica.

2.    Comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente. Inventa storie e si esprime attraverso varie forme di rappresentazione.

3.    Si esprime attraverso il disegno, la pittura ed altre attività  manuali.

4.    Formula piani di azione , individuali e di gruppo, e sceglie gli strumenti in relazione al progetto da realizzare.

5.    Sa rimanere concentrato, si appassiona e sa portare a termine il proprio lavoro.

6.    Ricostruisce le fasi più significative per comunicare ciò che ha realizzato.

7.    Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo ed oggetti.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Ø    Ascoltare e comprendere messaggi, testi, situazioni mediante una molteplicità di linguaggi.

Ø    Vivere ed esprimere le proprie emozioni

Ø    Provare a cogliere le emozioni degli altri per stabilire le prime relazioni cooperative.

Ø    Partecipare a giochi ritmici collettivi

Ø    Avere consapevolezza del proprio corpo come strumento capace di produrre suoni   

 

 

I DISCORSI E LE PAROLE

Comunicazione, lingua, cultura

 

I bambini imparano a comunicare verbalmente, a descrivere le proprie esperienze e il mondo, a conversare, a riflettere sulla lingua e si avvicinano alla lingua scritta; attraverso la conoscenza e la consapevolezza della lingua d’appartenenza consolidano l’identità personale e culturale e si aprono verso altre culture.

La lingua diventa uno strumento con il quale giocare ed esprimersi in modi personali, creativi e sempre più articolati.

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

 

1.    Il  bambino sviluppa la padronanza d’uso della lingua italiana e arricchisce e precisa il proprio lessico.

2.    Sviluppa fiducia e motivazione nell’esprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni, le proprie domande, i propri ragionamenti e i propri pensieri attraverso il linguaggio verbale, utilizzandolo in modo differenziato e appropriato nei diversi contesti.

3.    Racconta, inventa, ascolta e comprende le narrazioni e la lettura di storie; dialoga, discute, chiede spiegazioni e spiega, usa il linguaggio per progettare le attività e per definirne le regole.

4.    Sviluppa un repertorio linguistico adeguato alle esperienze e agli apprendimenti compiuti nei vari campi d’esperienza.

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Ø    Utilizzare un repertorio linguistico appropriato alle situazioni

Ø    Usare la lingua per giocare e per esprimersi in modo personale

Ø    Sviluppare le capacità comunicative

Ø    Sviluppare la motivazione  al raggiungimento degli obiettivi

Ø    Sviluppare le abilità sociali

 

 

LA CONOSCENZA DEL MONDO

Ordine, misura, spazio, tempo, natura

 

I bambini esplorano la realtà, imparando a organizzare le proprie esperienze attraverso azioni consapevoli quali  il raggruppare, il  comparare, il contare, l’ordinare, l’orientarsi e il rappresentare con disegni e parole.

Partendo da situazioni di vita quotidiana, dal gioco, dall’esperienza concreta, il bambino comincia a costruire competenze trasversali, come l’osservare, il manipolare, l’interpretare i simboli per riconoscervi dei significati; Egli impara chiedere spiegazioni, a riflettere, a discutere soluzioni; a cogliere il punto di vista degli altri in relazione al proprio.

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

 

1.    Il bambino raggruppa ed ordina secondo criteri diversi; confronta e valuta quantità; utilizza semplici simboli per registrare; compie misurazioni mediante semplici strumenti.

2.    Osserva i fenomeni naturali e gli organismi viventi sulla base di criteri o ipotesi, con attenzione.

3.     E’ curioso, esplorativo, pone domande, discute, confronta ipotesi, spiegazioni, soluzioni e azioni.

4.    Utilizza un linguaggio appropriato per descrivere le osservazioni o le esperienze.

 

 

 OBIETTIVI FORMATIVI

 

Ø    Verbalizzare le esperienze usando i concetti topologici di base

Ø    Scoprire semplici relazioni di causa-effetto

Ø    Utilizzare diversi materiali ed oggetti

Ø    Riconoscere fenomeni legati alle stagioni

Ø    Fare semplici collegamenti logici

Ø    Collocare in modo corretto personaggi ed oggetti negli ambienti specifici

 

 

IL SE’ E L’ALTRO

Le grandi domande, il senso morale, il vivere insieme

 

I bambini spesso formulano le grandi domande esistenziali sul mondo e sulla vita e cominciano a riflettere sul valore morale delle loro azioni, prendono conoscenza della loro identità, scoprono la diversità e imparano le prime regole del vivere sociale.

 

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

 

1.    Il bambino dialoga, discute e progetta confrontando ipotesi e procedure, gioca e lavora in modo costruttivo con gli altri bambini.

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Ø    Conoscere ed integrarsi nella realta’ sociale e territoriale

Ø    Partecipare emotivamente alle tradizioni legate alle feste

Ø    Rispettare le norme di comportamento

 

 

 

 

 

PROGETTO PSICOMOTORIO GRUPPO 3-4 ANNI

 

ANNO SCOLASTICO  2007-2008

 

INSEGNANTI:

                                STUCCHI PATRIZIA

                                MONTANARO ROSANNA

                                COMBI CRISTINA

                                TRESOLDI SILVIA

                                CAROZZI GIUSEPPINA     

                                MAPELLI DONATELLA                          

  

 

 

IL CORPO IN MOVIMENTO

Identità, autonomia, salute.

 

Il corpo è un importante strumento per la conoscenza del mondo circostante ed è il primo oggetto di scoperta da parte del bambino.

Sono molte le abilità e le potenzialità di azione del proprio corpo. Con il corpo infatti è possibile esplorare lo spazio, conoscere gli oggetti, comunicare emozioni e risolvere problemi pratici.

La corporeità e la motricità  contribuiscono alla crescita e alla maturazione globale del bambino, promuovono  la presa di coscienza del valore del corpo e l’importanza di saper interagire con gli altri.

La forma privilegiata dell’attività motoria è il gioco, svolto in forma libera e guidata.

Anche l’ambiente offerto al bambino deve essere ampio e stimolante, per dargli la possibilità di compiere esperienze ludiche importanti sia dal punto di vista motorio, cognitivo e relazionale.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

   

 

1.    Il bambino prova piacere nel movimento e in diverse forme di attività e di destrezza, quali correre, stare in equilibrio, coordinarsi in altri giochi individuali e di gruppo che richiedono l’uso di attrezzi e il rispetto di regole all’interno della scuola e all’aperto.

2.    Conosce  le diverse parti del corpo e lo rappresenta.

3.    Controlla la forza del corpo, valuta il rischio, si coordina con gli altri.

4.    Esercita le potenzialità sensoriali, conoscitive, relazionali, ritmiche ed espressive del corpo.

 

 

OBIETTIVI FORMATIVI

 

Ø    Percepire lo schema corporeo

Ø    Conoscere lo schema corporeo nelle singole parti del corpo

Ø    Capacità di riconoscere su di sé  e sugli altri le principali parti del corpo

Ø    Capacità di assumere e descrivere diverse posizioni corporee

Ø    Capacità di muoversi liberamente in uno spazio vuoto e con ostacoli

Ø    Consolidare gli schemi motori del camminare, correre, strisciare , rotolare.

Ø    Capacità di imitare diversi tipi di andature

Ø    Esprimersi col corpo attraverso il mimo e la libera interpretazione corporea

Ø Padroneggiare il corpo nelle attività di motricità fine

Ø Consolidare la coordinazione dinamica generale e in modo                  quella  oculo-manuale.

 

MEDIAZIONE DIDATTICA

 

Valorizzazione del movimento libero o guidato tramite vari tipi di giochi, finalizzato al raggiungimento di determinati obiettivi di apprendimento.

 

 

 

TEMPI

 

Da Novembre a Maggio, un giorno alla settimana alternando il martedì e il mercoledì.

 

SOLUZIONI ORGANIZZATIVE

 

Gruppi di bambini di 3-4 anni, appartenenti a sezioni diverse.

 

MATERIALI

 

Blocchi psicomotori, materassi, stoffe, cerchi, bastoni, materiale di recupero, palle, corde, elastici, sgabelli, tavoli, sedie…

 

SPAZI UTILIZZATI

 

Salone, aule, giardino, palestra, aula civica.

 

CONTROLLO DEGLI APPRENDIMENTI

 

Ø    Verifica degli obiettivi formativi

Ø    Valutazione delle competenze

Ø    L’osservazione immediata sarà utile a coglier le varie modalità personali di movimento.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Written By: silvia
Date Posted: 11/6/2006
Number of Views: 3893

Return

  

Copyright 2006 ICS Bonfanti e Valagussa   Terms Of Use  Privacy Statement